venerdì 20 febbraio 2015

Incontro col Presidente della Regione fissato per il 9 Marzo alle ore 17.00

Dopo numerosi contatti telefonici intercorsi con la vicepresidente Lo Bello e l'ufficio di segreteria del Presidente Crocetta oggi, finalmente, sono riusciti a fissare una data certa per l'incontro fortemente voluto dai lavoratori della F.P. Considerati i numerosi ed improrogabili “impegni” del Governatore per le prossime due settimane la scelta della data è caduta su Lunedì 9 Marzo alle ore 17.00 a Palazzo d'Orleans. Ovviamente non possiamo ritenerci ne soddisfatti ne entusiasti di questo allungamento dei tempi ma se gli "impegni" del Presidente non consentono una data più ravvicinata ce ne facciamo una ragione! Non vorremmo però che dietro questi "impegni" improrogabili ci sia la volontà di temporeggiare o che ci siano semplicemente le solite passerelle televisive conditi da proclami ormai vecchi e stantii a cui non crede più nessuno o i soliti incontri infarciti di foto giusto per buttare fumo negli occhi ai siciliani ormai alla fame! Il popolo della Formazione Professionale ha bisogno di chiarezza sul proprio futuro e questa chiarezza sulle posizioni del Governo la può fare solo il Presidente che rimane, al momento, l’interlocutore. Sia chiaro che questa è l’ultima opportunità di dialogo che la categoria offre al Presidente, se dovesse boicottare l’incontro o le sue risposte non dovessero trovare piena soddisfazione, la reazione da parte dei lavoratori di sicuro non si farà attendere. Contestualmente lanciamo l’appello a tutte le forze politiche, di maggioranza e di opposizione, affinché reagiscano e prendano posizione netta nei confronti di una categoria ormai stremata dalla "macelleria sociale", locuzione coniata dal Governatore e indicata come la peste da evitare ma che, per mano sua e di questo governo, inesorabilmente si è abbattuta contro i lavoratori. Aspettiamo dunque il 9 Marzo per avere contezza sul nostro futuro lavorativo e poi trarremo le dovute conclusioni non escludendo, fin da adesso, ulteriori forme di lotta più aspre!
unione lavoratori liberi

lavoratori liberi ex sportelli multifunzionali

Snalv

venerdì 13 febbraio 2015

Incontro col Presidente Crocetta rinviato

Si comunica a tutti gli operatori della F.P. che la Vicepresidente Mariella Lo Bello ci ha informati di sopraggiunti impegni istituzionali a Roma del Governatore della Sicilia Rosario Crocetta e quindi il previsto incontro di Lunedi 16 Febbraio alle ore 17.00 e' rinviato a data da destinarsi. La stessa si e' assunta l'impegno di informarci tempestivamente, presumibilmente martedi o mercoledi, della nuova data per l'incontro di cui sopra.
Comunicazione sara' data alla Digos per la sospensione sel sit-in organizzato per il 16 c.m.

unione lavoratori liberi
Alessandro Lazzano

D.D.S. 678 DEL 13 febbraio 2015 integrazione albo formatori

Atto integrativo,approvativo degli ulteriori inserimenti ai sensi dell'art. 12 del DDG n. 4228 del 1 agosto 2014 " Decreto di aggiornamento dell'Albo Regionale del personale docente e non docente dei corsi di formazione assunto a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2008"

D.D.S. 678 DEL 13 febbraio 2015 (nuova finestra)

Allegato A inclusi (nuova finestra)

Allegato B esclusi (nuova finestra)

martedì 10 febbraio 2015

Lunedi 16 Febbraio sit-in in P.zza Indipendenza ore 17.00

Lunedi 16 Febbraio dalle ore 17.00 è confermato il sit-in dei lavoratori della formazione professionale!!!
In concomitanza con l'incontro richiesto, ed ottenuto, al Governatore Rosario Crocetta i lavoratori della Formazione Professionale stazioneranno sotto Palazzo d'Orleans in attesa delle risposte del Presidente della Regione sulla piattaforma rivendicativa della marcia di giorno 6 febbraio!


1.      Difesa del CCNL di categoria, e di tutte le norme, ad oggi vigenti, a tutela e garanzia del personale della Formazione Professionale in Sicilia.
2.      Immediata programmazione annuale o pluriennale degli Interventi Formativi (POR-FSE 2014/2020);
3.      Riforma dei Servizi per il Lavoro e relativa continuità occupazionale e retributiva dei lavoratori ex S.M.;
4.      OIF/IeFP: Lentezza biblica: chiudere le migliaia di procedimenti aperti ed erogare i saldi mai rilasciati per tantissimi anni.
5.      Tutela dei lavoratori rimasti senza incarico a seguito di revoca dell’accreditamento agli Enti Gestori e tutela dei lavoratori licenziati dal 2012;
6.      Ammortizzatori sociali 2014 e 2015  (PAC 4);
7.      Integrazione salariale a valere del Fondo di Garanzia dal 2012 ad oggi;
8.      Immediata chiusura di tutte le rendicontazioni pregresse o forme di anticipazione delle quote relative al personale per gli anni pregressi;
Chiediamo che sia fatta chiarezza una volta e per tutte sul futuro di migliaia di famiglie!!!

Il suddetto sit-in è autorizzato dalla Digos. Al riguardo si ringrazia Toni Provenzale dello SNALV per la preziosa collaborazione.

mercoledì 4 febbraio 2015

Marcia della F.p.: facciamo il punto della situazione



MARCIA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE SICILIANA 6 Febbraio 2015 Palermo


A due giorni dalla manifestazione promossa da questa associazione di lavoratori non sindacalizzati della F.P. assieme ai lavoratori liberi degli ex Sportelli Multifunzionali e con la collaborazione fattiva dello S.N.A.L.V., neo sigla sindacale rappresentata da Toni Provenzale, vogliamo fare il punto della situazione.

Dopo aver lanciato l’idea di una manifestazione di protesta di tutte le filiere della F.P. in Sicilia e dopo avere, contestualmente, invitato “tutte quelle forze sindacali a cui stanno veramente a cuore le sorti di migliaia di lavoratori ormai allo sbando e allo stremo”, abbiamo registrato l’adesione oltre che dello S.N.A.LV., ovviamente, dei COBAS, dell’UGL, del SINALP, dell’USLAL, dello SNALS – F.P., degli Irriducibili della f.p.ed infine del COSM.
Silenzio totale da parte delle Organizzazioni Sindacali CGIL, CISL e UIL, anzi no! Ad onor del vero abbiamo registrato una dichiarazione del componente della segreteria regionale della UIL che lascia liberi i lavoratori aderenti a questa sigla di partecipare alla manifestazione. Nulla invece hanno fatto sapere, ufficialmente, gli altri sindacati. Noi siamo a conoscenza della partecipazioni di molti iscritti e dirigenti, anche, della Cisl e questo ci fa enorme piacere!
Lo stesso non possiamo dire per l’atteggiamento di indifferenza mostrato dalla Triplice, come dicevamo prima, e dire che noi l’appello lo abbiamo lanciato forte e chiaro, affinché questa manifestazione potesse essere un momento di sintesi per il bene di tutto il comparto, ma evidentemente si preferisce fare ancora inutili passerelle, con annesse fotografie di rito, prestando il fianco e copertura all’operato di questa Amministrazione, che ad oggi, si è dimostrata oltre che insensibile al dramma di 8.000 persone, assolutamente incapace nel gestire le risorse e i processi.
Alla luce della riunione di ieri sera con l’Assessore al Lavoro Bruno Caruso e la sempreverde D.G. Corsello apprendiamo dai commenti a dir poco estasiati ed enfatizzati, da parte della Triplice, che tutto va bene, che si sta lavorando per la risoluzione dei problemi di 1850 lavoratori degli ex Sportelli Multifunzionali e che per la CIGD 2014 non ci sono problemi perchè i fondi sarebbero stati individuati!!!
Ancora si parla di individuazione di fondi e non di effettivo utilizzo degli stessi, a noi sembra una sorta di pubblicità ingannevole o addirittura l’ostentazione di un qualcosa che effettivamente non si ha, come nelle migliori tradizioni pre belliche quando si facevano vedere sempre gli stessi velivoli ad ogni manifestazione in cui era presente il capo e la popolazione.
Orbene, dalle notizie in nostro possesso, siamo certi che ad oggi non ci sia nulla di nulla!!!
Per il futuro dei lavoratori degli ex S.M: si parla ancora senza avere idee chiare e certe di come poterli reimpiegare.
Per la CIGD 2014 i tempi sono ancora lunghi in quanto si dovrà aspettare almeno il mese di marzo affinché il Governo nazionale liberi, sempre che lo faccia, le risorse dei fondi PAC.
Per la Terza annualità Avv. 20/2011 (o seconda piano giovani) tutti i decreti di impegno delle somme sono fermi a causa del problema sorto con l’accreditamento degli Enti Gestori (vedi recentissima sentenza TAR) e per quelli che già hanno iniziato le attività ci saranno tempi duri per la corresponsione dei primi e dei secondi acconti in quanto ci risulta che i relativi fondi siano stati “sequestrati” dal Governo Nazionale.
Per la filiera degli OIF/IeFP oltre che al problema del finanziamento si è aggiunta la circolare dell’Assessore Lo Bello che individua una fascia d’età dei partecipanti dai 15 anni in su a progetti già avviati, per non parlare dell’atavica lentezza della chiusura dei rendiconti (8000 procedimenti in corso).
Per la nuova programmazione 2014/2020 ad oggi non c’è uno straccio di proposta, nel silenzio più assordante della Triplice Sindacale. Tutto ciò comporterà, da parte degli E.G., l’inevitabile ed imminente apertura dello stato di crisi che avrà la sua naturale conclusione nei licenziamenti collettivi dell’ormai esigua pattuglia di lavoratori ancora in servizio.
Per i lavoratori già licenziati nulla viene prospettato per il loro immediato reimpiego! E quelle manovre per il loro salvataggio, vedi Prometeo, sono miseramente fallite!
Per la CIGD 2015 siamo in alto mare! E non si intravedono da parte dell’Amministrazione Regionale, soluzioni alternative, facilmente individuabili, che possano dare sollievo ad una categoria martoriata!

NOI non siamo più disposti a dare credito alle parole di Assessori e Dirigenti Regionali, più o meno competenti, ma vogliamo risposte chiare e nette direttamente dal Presidente della Regione!!!
NOI non ci facciamo più rabbonire dai comunicati sindacali di personaggi più o meno interessati a tenere buona la piazza!
NOI non vogliamo più soluzioni tampone, più o meno rabberciate!
NOI CHIEDIAMO CHIAREZZA!!!

Sulla mancata adesione della Triplice Sindacale (Cgil, Cisl e Uil) ce ne faremo una ragione!
Rinnoviamo, quindi, l’appello a tutti quei lavoratori che ormai non hanno più nulla da perdere, perchè lo hanno gia perso, a partecipare in massa alla manifestazione del 6 Febbraio a Palermo da P.zza. Marina fin sotto il Palazzo del Potere (Palazzo D’Orleans), per dare un segnale forte a questa Amministrazione sorda ed insensibile al dramma che ormai ha colto una intero settore lavorativo della Sicilia ed a quei sindacati che pensano ancora di flirtare con gli assessori pensando di racimolare qualche briciola per i loro apparati di potere!

Sottilineamo, infine, che le nostre azioni di forte protesta mireranno, anche, all’ARS dove siedono i rappresentanti politici che con il loro operato devono rispondere al corpo elettorale che li ha votati e che devono quindi dare risposte anche al popolo della Formazione Professionale Siciliana!!!

ORA O MAI PIU’!!! COMPATTI PER RIVENDICARE IL DIRITTO AL LAVORO ED A UN FUTURO SCEVRO DA INCERTEZZE E TRIBOLAZIONI!!!

6 FEBBRAIO 2015
MARCIA DI PROTESTA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE SICILIANA!!!


Unione Lavoratori Liberi – F.P.
Alessandro Lazzano

domenica 1 febbraio 2015

martedì 27 gennaio 2015

6 FEBBRAIO 2015: MARCIA PER I DIRITTI DEI LAVORATORI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE!!!

Alla luce delle dichiarazioni vuote ed inconcludenti dell'Assessore Lo Bello, di quelle preoccupanti del D.G. Silvia, del silenzio totale dell'Assessore Bruno Caruso e degli scarsi risultati della D.G. Corsello riteniamo ormai improcastinabile l'intervento del Governatore della Sicilia per fare chiarezza sul futuro di 8.000 lavoratori della Formazione Professionale!

lunedì 26 gennaio 2015

ULTIME SUI CONTRATTI DI SOLIDARIETA



MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Avviso del 12/01/2015 :
Si comunica che – allo stato – le attività relative al contributo di solidarietà ex art. 5, commi 5 e 8, legge n. 236/1993 sono sospese per le necessarie verifiche contabili annuali dell’ufficio competente.
Relativamente all’anno 2015, poiché non è stato previsto con legge un rinnovo del contributo di solidarietà ex art. 5, commi 5 e 8, legge n. 236/1993, le relative domande non potranno essere prese in considerazione qualora dovessero pervenire.
                                                                         
FONTE:http://www.lavoro.gov.it/AreaLavoro/AmmortizzatoriSociali/ContrattiSolidarieta/Pages/default.aspx

Spostata la manifestazione del 30 Gennaio al 06 Febbraio!!



Considerate le imminenti elezioni per il nuovo Presidente della Repubblica che si terranno partire da giorno 29 Gennaio 2015 e che vedranno impegnati i grandi elettori, quindi anche il nostro Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta, Unione Lavoratori Liberi assieme ai lavoratori liberi degli ex sportelli multifunzionali, che si sono fatti promotori della Marcia per i diritti della Formazione Professionale, sentiti anche tutti i rappresentanti delle sigle aderenti, per non rischiare di non avere l’auspicato confronto col Governatore a causa della sua quasi certa assenza,

comunicano

A tutti i lavoratori che la suddetta marcia viene posticipata a giorno 6 febbraio 2015 a partire dalle ore 9.00 con le stesse modalità operative e ovviamente con la stessa piattaforma rivendicativa della precedente.
La suddetta variazione di data è gia stata comunicata alla DIGOS.
Seguiranno comunicazioni a tutti gli enti interessati.

sabato 24 gennaio 2015

Marcia della Formazione Professionale 30 gennaio 2015....PARTECIPA ANCHE TU!!!


Anche lo SNALS Formazione Professionaleaderisce alla marcia della Formazione professionale del 30 Gennaio!!!

SCIOPERO 30 GENNAIO 2015

MANIFESTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DI UN DIRITTO SCIPPATO CON L’INGANNO

Apprendiamo con soddisfazione che anche lo SNALs settore f.p. aderisce alla marcia per i diritti dei lavoratori della Formazione Professionale e riportiamo di seguito il comunicato.

I componenti del coordinamento regionale settore formazione professionale Snals Confsal, insieme alle RSA e agli iscritti a tale organizzazione sindacale, saranno presenti giorno 30 GENNAIO 2015 alle ore 9,00 in  piazza Marina a Palermo, per unirsi ai lavoratori delle tre filiere della Formazione Professionale nella MARCIA DELLA FORMAZIONE.
Manifestazione che, lungi dall’essere un incontro di appartenenza sindacale, si propone di rivendicare diritti e dignità delle persone che da anni lavorano nel settore impegnandosi a formare ed orientare minorenni, giovani ed adulti, inoccupati e disoccupati fornendo loro valido supporto e competenze professionali.