mercoledì 19 ottobre 2011

NEW: Cefop

Nominati commissari per il Cefop, la prossima settimana si insedieranno.

29 commenti:

  1. nadia zappulla19 ottobre 2011 16:24

    da quale fonte proviene questa notizia posto che la sentenza non è stata ancora depositata????? i commissari sono stati nominati il primo luglio. in questo momento le "voci" sono quanto mai deleterie ed illusorie per noi lavoratori! Vi prego di volere citare la fonte o specificare che sono illazioni.

    RispondiElimina
  2. premettendo che i commissari sono stati nominati in data 1 luglio 2011 dal Ministero, si desidera conoscere da quale fonte, U.L.L FP ha appresa la notizia dell'insediamento dei Commissari al Cefop, stante che la sentenza nn è stata publicata!!!!!

    RispondiElimina
  3. uno si era dimesso e adesso e' stato ricostituito il plenum....
    per quanto riguarda la fonte mi pare superfluo dire che non e' carino svelarla alrimente la stessa non ci girera' piu notizie!
    in ogni caso questa e' una semplice notizia che certamente il tempo potra confermare o smentire quindi ci sembrano fuori luogo isterismi vari

    RispondiElimina
  4. lavoratore f.p.19 ottobre 2011 16:56

    continuate a dare informazioni che reperite e lasciate stare 4 cameriere isteriche!

    RispondiElimina
  5. Gli isterismi sono sicuramente da parte di chi amministra questo blog.... considerato che sono solo delazioni senza fondamento.... certo potrebbe accadere che la sentenza la prossima settimana venga pubblicata , ma non per questo la notizia di oggi è vera........quindi il tempo nn gioca a vostro favore!!!!!

    RispondiElimina
  6. Le cameriere isteriche pensano che non sono state aggiornate in tempo reale e per questo danno di matto. Però strano che lo sappiano altri che non sono cameriere o camerieri isterici... Boh

    RispondiElimina
  7. concordo pienamente su "4 cameriere isteriche" paladine di giustizia oggi, lecchine ieri

    RispondiElimina
  8. Al lavoratore dico : fare le cameriere non è reato, divulgare notizie false e tendenziose ed ingiuriare si.....!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Nadia Zappulla19 ottobre 2011 17:08

    Chiedo ufficialmente la rettifica di quanto pubblicato, ai sensi e per gli effetti dell’art. 8 della legge sulla stampa n° 47 del 1948, poiché contenente informazioni non corrispondenti al vero.
    Un sito serio non da dell'isterica a chi si firma con il proprio nome e cognome invece che "anonimo". Inoltre le "soffiate" devono essere definite chiaramente come tali e non date come notizie certe.
    Le smentite dopo la pubblicazione della sentenza lasciano il tempo che trovano. Al momento attuale questa spasmodica ricerca dello scoop e del protagonismo è assolutamente fuori luogo e molto spiacevole.
    E' bene che chiunque legga queste informazioni sappia che, ad oggi, sono solo semplici e pure illazioni e parto di fantasia di chi le ha scritte.

    RispondiElimina
  10. Questa e' una notizia che se non accompagnata da prove concrete lascia il tempo che trova. Per fare odiens siamo capaci di tutto vergognatevi.

    RispondiElimina
  11. Alessandro Di Girolamo19 ottobre 2011 17:08

    Cambiano il nome ma non cambia il modo di agire. Adesso voi dell' ULL fate i paladini dell'insolvenza. in Altri tempi avete dato addosso ai colleghi che avevano intrapreso questa strada ( tral'altro l'ultima strada percorribile).
    Al collega che da delle 4 cameriere alle colleghe dico: manco hai i coglioni x metterci la faccia in quello che scrivi. VIGLIACCO

    RispondiElimina
  12. Complimenti mi sono inserita proprio in un bel blog................lecchini, isteriche ect............complimenti veramente, e saremmo tutti colleghi?

    RispondiElimina
  13. Forse qualcuno che scrive si sta guardando allo specchio ...... e si vede con un lecca lecca in mano!!!!!! Firmatevi se avete il coraggio, invece di dirle in maniera anonima!!!!!!

    RispondiElimina
  14. Alessandro Di Girolamo19 ottobre 2011 17:15

    Hanno censurato il mio commento precedente. chissa' xche' e' stato censurato.

    RispondiElimina
  15. Forse il lecca lecca piace a qualcuna della cameriere... Senza offese alla categorie di donne che prestano la loro opera per alleviare le fatiche domestiche. Sono d'accordo con quanto scritto prima, lecchine di ieri e finte paladine strumetalizzate di oggi! Se l'ente chiude tutti a casa, voi comprese!Alcune di loro rappresentano la dirigenza di questo ente ( alcuni di loro sono direttori e scrivono come se avessero 4 anni... che schifo) Prima di fare le paladine , andate a farvi un corso accelerato di italiano.

    RispondiElimina
  16. Alessandro Di Girolamo19 ottobre 2011 17:22

    Prima si chiamavano Ugellini e rompevano gli..... Uggell. Adesso sono lavoratori liberi perche' sono liberi di dire m i n chiate senza che nessuno li possa strigliare x bene. Cambia il nome ma non il modo di agire.

    RispondiElimina
  17. Alessandro Di Girolamo19 ottobre 2011 17:25

    Cmq, buona continuazione.
    Ps. Okkio che la censura puo' avvenire anche in questo sito.

    RispondiElimina
  18. Rosaria , se è il tuo vero nome, il cognome ?potevi dirlo così sappiamo con chi parliamo.... intanto non ti permettere.....Forse non sai che l' Ente non esiste più, poi se scrivo in modo infantile è per farmi comprendere dalle persone ignoranti. faziose e manovrate come te.... vergognati!!!!!

    RispondiElimina
  19. Severino Ninfa19 ottobre 2011 17:36

    ma fatemi il piacere avete pure il coraggio di censurare !!!

    RispondiElimina
  20. Il meccanismo che farebbe scattare l'insediamento dei tre commissari,già nominati il 1° di luglio dal Ministero dello Sviluppo economico,sarebbe l'approvazione dello stato di insolvenza da parte del Tribunale di Palermo.
    In atto nessuna sentenza è stata pronunciata,per cui l'amministrazione reggente del Cefop è quella che storicamente tutti conosciamo.Se la fonte è anonima e gli amministratori del presente sito non vogliono nominarla : fatti vostri.Ma avete senz'altro l'oobbligo della verifica dell'informazione ricevuta e conseguentemente,se falsa,anche quello della verifica.
    VITO REINA (uno dei firmatari dello stato di insolvenza)

    RispondiElimina
  21. Anna, sei stata tu a dire che c'è gente che si guarda allo specchio con il lecca lecca in mano quindi datti una calmata. Poi non mi pare di avere detto che TU IN QUANTO DIRETTORE scrivi in maniera infantile, quindi perchè te la senti? PErchè ti accanisci? Capisco che la rabbia che hai dentro non ti fa nemmeno capire cosa scrivi tu stessa. L'ente è chiuso? L'ente non esiste piu? Perfetto, quindi allora saremo insieme nel calderone di quelle senza lavoro e senza soldi... sempre se si campa solo di stipendio... E poi con gente che cerca quotidianamente la rissa e lo scontro ( tipo alcuni colleghi) di cosa dovrei vergognarmi? Non mi pare che siano stati censurati commenti... quindi controllate bene! A presto, ci vedremo tutte sul lastrico!

    RispondiElimina
  22. Perchè non pubblicate il mio post? Forse state eseguendo la verifica che avreste dovuto fare prima ?

    RispondiElimina
  23. non si e' capito perche arraggiate in questo modo.....ben vengano i rumors! non vogliamo che siate voi, complici ed artefici della richiesta di insolvenza, ad avere l'esclusiva per disinformarci con le notizie che il vostro capo vi dice di fare uscire artatamente!
    forza a questo blog! continuate cosi! vedere arraggiare questi signori non ha prezzo!

    RispondiElimina
  24. E' proprio vero.
    Lombardo, Centorrino, ed Albert, ci sono riusciti a farci scannare tra di noi.
    Vergogna......

    RispondiElimina
  25. Nadia Zappulla19 ottobre 2011 19:32

    L'anonimato è indice di vigliaccheria e chi scrive sotto alis non merita di aver seguito. Usare lo stesso metro di valutazione, che si usa con i proprio familiari, con persone che non si conoscono è indice di piccineria.
    A tutti comunico che benchè anonimi o celati dietro alias, la fonte dalla quale pervengono a questo sito i post è rintracciabile tramite indirizzo IP dietro richiesta delle autorità giudiziarie.
    Invito tutti al confronto de visu e con documenti alla mano.

    RispondiElimina
  26. ...ragazzi, quanta rabbia! ...penso che chi conosce internet dovrebbe sapere che la cosa bella di questo media è che chiunque "dovrebbe" essere libero di dire qualsiasi cosa, stà all' "INTELLIGENZA" di chi legge comprendere e verificare con la parte "grigia" se la notizia o quello che uno legge è vero o no! ...non fatevi prendere troppo dalla brutta aria che tira di imbavagliare anche internet!!! ...Capisco la rabbia, lo dico anchio che come tanti di voi sono arrabbiato con tutti quei burocrati che ci hanno costretto ad elemosinare, a perdere la dignità di lavoratori!

    RispondiElimina
  27. bravo anonimo...finalmente qualcuno che dice le cose come stanno!

    RispondiElimina
  28. ...cortesemente un po di razionalità, smettiamo di litigare, avete notizie che smentiscono quelle di blog e stampa, pubblicatele! Noi siamo in grado di poter fare i giusti riscontri, internet consente di fare anche questo! ..Ed allora?!! Perchè non voltare questa "GIUSTA" rabbia verso quei "padroni" che ci stanno anientando?! Non ha importanza con chi, bisogna, insieme fare di più, utilizzando, anche quelli che tra di noi sono artefici di questo caos, puntare tutti verso quei legislatori che stanno approfittando della nostra divisione, forza tutti, cerchiamo di muoverci, non per autodistruggerci ma per costruire un nuovo futuro, ricordando a quei politici che sono al servizio dei cittadini e non viceversa! Servono idee chiare, semplici ed applicabili!!! ...Non i proclami e tecnici che non capiscono niente della materia, dicono delle cose complesse che poi loro stessi smentiscono!!!!

    RispondiElimina
  29. Concordo con il mio collega Anonimo: internet è uno spazio di libertà espressiva.
    Faccio presente a tutti i colleghi che solo in questo blog (con tutti i suoi limiti e se volete anche faziosità) ci vengono riferite le cose. Infatti se aspettiamo comunicazioni dal nostro ente o dai siti dei sindacati (che dovrebbero essere i primi a farlo) staremmo freschi. Quindi grazie a coloro che si occupano di questo blog, confidando chiaramente in una gestione seria delle informazioni.

    RispondiElimina